Fuga da New York

Lo stereotipo di New York è sempre stato quello di una città che non si ferma mai, tutti indaffarati durante il giorno e poi, senza mai fermarsi, un happy hour, un’inaugurazione dell’ennesima galleria d’arte, una cena, un club, fino a notte fonda, e poi di nuovo al lavoro, e poi ancora un museo, e via così.
Questo è certamente lo stile di vita dominante e sotto gli occhi di tutti. C’è poi una New York rilassata, “laid-back”, con tempi umani, piccoli locali, buona musica a poco prezzo (o gratis). New York è così varia e magica che permette anche di fuggire da sé stessa, rimanendo in città. A volte basta guardarsi intorno, oppure affrontare un viaggio di qualche fermata in metropolitana.
Brooklyn offre molti spunti per queste fughe da New York. Pur facendo parte a tutti gli effetti della città di New York, tutto è diverso a Brooklyn. L’architettura, lo stile di vita, i locali. Tutto un po’ più raccolto, rilassato e casalingo. Brooklyn è un piccolo tradimento a New York. Non una rivoluzione, diciamo uno sgarro fatto al grande boss, una convivenza pacifica tra due fratelli con caratteri molto diversi. L’orgoglio Brooklyniano non disdegna l’appartenenza a New York, semplicemente la tiene a distanza.
Una delle fughe che consiglio è all’Habana Outpost. Un bar-ristorante cubano (ma che strizza l’occhio ai gringos), in cui alcuni sacri vincoli dell’americanità vacillano.
Aperto solo in estate e realizzato con criteri eco-compatibili, il posto è una piccola palazzina colorata, all’angolo tra Fulton Street e South Portland Avenue (quartiere Fort Greene). All’interno, l’ambiente coloratissimo, la musica cubana e l’assenza di aria condizionata vi proietteranno già su un altro pianeta. Tuttavia, le due file ordinatissime per ordinare cibo e bevande vi riporteranno coi piedi per terra. Scegliete la coda giusta: una è per “food and drinks”, l’altra è per “drinks and corn”.
Già, perché anche se venite qui solo per un drink, non potete non ordinare la pannocchia di mais arrostita e poi condita “mexican style”, con formaggio, peperoncino e qualche goccia di lime da spremere sopra.
Per il resto, il menu ha pochi piatti cubani/sudamericani, include anche una sezione “For the Gringos” con gli immancabili burger, è economicissimo, non mancano i cocktail frozen spillati da macchine come quelle dei nostri sorbetti, niente di speciale, ma forti che stenderebbero un cavallo a stomaco pieno.
Una volta ordinato, pagato, e ricevuto lo scontrino per ritirare il cibo, siate disposti a dire addio all’America per qualche ora. Uscite all’aperto, in uno spazio recintato che dà sulla strada, e troverete i tavoli. Non ci sono regole, non ci sono code, non ci sono priorità, nessun fair play. Quando vedete un posto, sedetevi. Se i tavoli sono tutti occupati, la tecnica è quella del rapace. Aggiratevi tra i tavoli, guardate i clienti, e sperate di trovarvi nel posto giusto al momento giusto. Oppure puntate un tavolo, mettetevi lì vicino, e sperate che la vostra presenza metta pressione sui commensali (difficile: come già detto, qui non siamo più a New York).
Sperate di riuscire a sedervi prima che dalla cucina vi chiamino per consegnarvi il vostro cibo, altrimenti arrangiatevi, ve la godrete lo stesso, e prima o poi vi accomoderete.
Prendetevela comoda, e cercate di resistere ai rapaci che a loro volta vorranno appollaiarsi sul vostro trespolo.
Dall’area all’aperto potete uscire direttamente sulla strada attraverso un cancello. L’America ricomparirà ai vostri occhi già sulla soglia, con due buttafuori e alcuni cartelli che vi ricordano che non è consentito portare fuori cibo e bevande, e che quella è solo un’uscita e non un ingresso.
Se volete fuggire nei migliori dei modi, venite all’Habana Outpost la domenica sera: alle 8, avrete anche il cinema all’aperto. E, credetemi, sono davvero pochi i posti a New York dove potete vedere un film mentre sorseggiate un frozen margarita.
Proprio il viaggio ideale per una calda domenica estiva.
Buona fuga!

20120630-152950.jpg

20120630-153020.jpg

20120715-235116.jpg

20120715-235135.jpg

20120715-235151.jpg

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Luoghi e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Fuga da New York

  1. Veronica ha detto:

    minchia quanto sei new yorker con l’occhialetto fucsia!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...